#LivornoTimesLive: LA VITA POLITICA ED ECONOMICA DI LIVORNO IN TEMPO REALE, CLICCATE QUI | IL NOSTRO BLOG SU TWITTER: CLICCATE QUI E SEGUITECI | IL NOSTRO BLOG SU FACEBOOK: CLICCATE QUI PER VEDERE LA NOSTRA PAGINA | IL NOSTRO BLOG SU TUMBLR: CLICCATE QUI E SEGUITECI

lunedì 22 novembre 2010

POLITICA: ANCHE AD OLIVIERO TOSCANI QUESTA LIVORNO NON PIACE

Nello scorso fine settimana si è tenuto un Forum, presso la Camera di Commercio di Livorno, sulla Toscana. Ci sono state parecchie assenze (dal sindaco di Livorno fino al presidente della Provincia di Livorno sicuramente per boicottare il presidente della Camera di Commercio Nardi che si è candidato alla guida dell'Autorità Portuale) ma su tutte le presenze al convegno ha spiccato l'intervento di Oliviero Toscani (storico fotografo della Benetton) dichiaramente di sinistra.

Come viene riportato anche dai quotidiani locali Oliviero Toscani ha dichiarato che questa Toscana (nel mezzo anche Livorno) non piace. Non piace perché la sinistra ha trasformato questa regione perché sembra di essere in un regime peggio della Cuba di Fidel Castro.

Ma tanto in Toscana, ed in particolare a Livorno, l'opposizione è inesistente e quindi è impossibile che si crei un'alternativa credibile al dominio "rosso".

Peccato perché la nostra città (ed anche la Toscana) avrebbe bisogno di uno slancio in avanti...

mercoledì 17 novembre 2010

LA POLITICA DELLA VERGOGNA CONTINUA ANCORA

E' roba da matti. A sentire parlare oggi il segretario provinciale del PD mi viene da domandarmi: ma si è capovolto il mondo?
Incredibile ma vero, il mondo si è capovolto. Il neo-segretario provinciale del PD ha dichiarato di voler aprire volentieri ad un'alleanza con Fini e Futuro e Libertà.
Ma ce ne rendiamo conto? Fino a un mese fa tutti gli ex e neo-comunisti offendevano il fascista Fini ed oggi, pur di mandare via Berlusconi dal Governo sono disposti a fare le alleanza con chi in passato non potevano nemmeno vedere.
Siamo arrivati veramente alle comiche in un paese come il nostro che ne ha viste di cotte e di crude, proprio questo non me lo aspettavo.
Staremo a vedere...

venerdì 5 novembre 2010

POLITICA: MA L'OPPOSIZIONE DOV'E' - PARTE 1

Livorno è una città stagnante. Dove tutto è ancora fermo a Sessanta anni fa. Con gli eredi del partito comunista che governano la città senza discontinuità. Per questo motivo, dopo gli anni ruggenti in cui la città è vissuta sulle grandi aziende statali, la politica economica cittadina si è bloccata.
Le aziende chiudono e i posti di lavoro scarseggiano.
L'amminitrazione comunale è libera di fare quello che vuole. Ad esempio può decidere si spostare l'Ospedale a proprio piacimento. Se fosse per motivi di utilità il trasloco della struttura ospedaliera, in un luogo più fruibile, sarebbe anche giustificabile. Ma tutto questo viene fatto s emplicemente per non perdere i fondi europei e del Cipe e per mangiarci, sicuramente, sopra.
Ma l'opposizione, in particolare quella di centro-destra, in tutto questo che ruolo ha avuto? Assolutamente niente. Se non fosse per un gruppo di cittadini non ci sarebbe nemmeno il referendum. Forse l'opposizione (intendo sempre quella di centro-destra) è riuscita a fare qualche banchetto in quà ed in là per raccogliere le firme ma niente di più.
Proposte concrete, alternative solide anche per incalzare il governo cittadino nemmeno l'ombra. Anzi, il principale partito di centro-destra, il Popolo della Libertà, si è diviso al suo interno (ma di questo ne parleremo la prossima volta...)

martedì 2 novembre 2010

ECONOMIA: ECCO I FINANZIAMENTI PER IL PORTO

COLLEGAMENTI FERROVIARI. Il potenziamento dei collegamenti ferrovieri è fondamentale per il porto. L'accordo firmato nel 2009 tra il Governo e la Regione Toscana prevede numerosi interventi:

- € 20.000.000,00: nuova stazione in Darsena Toscana;
- € 20.000.000,00: collegamento diretto tra la Darsena Toscana e la linea Roma-Genova per i treni provenienti dal porto con la linea tirrenica;
- € 102.000.000,00: collegamento ferroviario di Guasticce con la linea Collesalvetti-Vada, lato sud e lato nord;
- € 80.000.000,00: bretella di collegamento della linea Collesalvetti-Vada con la linea Firenze-Pisa;
- € 30.000.000,00: scavalco della linea tirrenica nell'ambito del collegamento diretto della Darsena Toscana con Guasticce.

TOTALE INVESTIMENTI: € 252.000.000,00

CORRIDOIO TIRRENICO. Fondamentale è poi l'aggancio del porto al corridoio dell'Alta Velocità e Alta Capacità: quello che risalendo dalla Sicilia tocca Napoli, Roma, Firenze, Bologna, Brennero e termina a Berlino.
Il corridoio numero 1 è uno dei trenta ricompresi nelle reti T-Ten, riconosciuti dall'Unione Europea e su cui saranno concentrati i finanziamenti.

DARSENA EUROPA. La Darsena Europa è la scommessa del porto. Il progetto è molto ambizioso: un raddoppio a mare del porto, 1000 metri lineari di banchine, 600 mila metri quadrati di piazzali e i 16 metri di fondale.
Per realizzare la Piattaforma Europa con il project-financing si sono fatti avanti diversi gruppi. A breve dovrebbe partire la procedura per raccogliere le manifestazioni di interesse. I costi sono enormi e potrebbero addirittura superare il miliardo di euro. Ci sarà bisogno di consistenti finanziamenti pubblici, per realizzare le opre di messa in sicurezza, come le dighe. Per questo sarà decisiva l'Unione Europea: solo attingendo ai finanziamenti comunitari il progetto sarebbe realizzabile.