#LivornoTimesLive: LA VITA POLITICA ED ECONOMICA DI LIVORNO IN TEMPO REALE, CLICCATE QUI | IL NOSTRO BLOG SU TWITTER: CLICCATE QUI E SEGUITECI | IL NOSTRO BLOG SU FACEBOOK: CLICCATE QUI PER VEDERE LA NOSTRA PAGINA | IL NOSTRO BLOG SU TUMBLR: CLICCATE QUI E SEGUITECI

domenica 30 gennaio 2011

ECONOMIA: A LIVORNO SEMPRE PIU' IN CALO

La crisi a Livorno è sempre in corso.

Lo dimostra un dossier regionale dell'Osservatorio di Findomestic (la famosa finanziaria) che dimostra un calo netto nei consumi in tutta la Toscana ed a Livorno in modo particolare.

Nelle tasche dei livornesi, lo scorso anno, sono state più leggere.

L'esempio più importante è dimostrato dal fatto che i livornesi non comprano più auto nuove ma auto usate.

Un segno che la crisi, in buona parte del nostro paese sta per passare, ma che nella nostra Regione, ed in modo particolare nella nostra città, la crisi è molot lontana da essere superata.

domenica 16 gennaio 2011

POLITICA: IL COMUNE DI LIVORNO BUONO SOLO A FARE LE MULTE

Parlare contro il Comune di Livorno è molto facile. Questa volta ancora di più.

Il fatto che mi invita a scrivere queste righe è quello delle multe fatte dalla Polizia Municipale ai 102 banchi di venditori ambulanti, che regolarmente pagano le tasse, di Piazza Cavallotti.

Per chi non è di Livorno, Piazza Cavallotti è la piazza dove si trova il mercato centrale dove sono presenti diverse piccole attività produttive.

Queste attività produttive sono state multate dalla Polizia Municipale, inviata dal Comune di Livorno, perché occupavano irregolarmente i portici che si trovano nella piazza.

Nessuno dice che le occupazioni abusive sia regolari in questo mondo ma a Livorno ci sono occupazioni ed occupazioni.

Ci sono le occupazioni abusive dei commercianti che regolarmente producono redditto e pagano le tasse al Comune di Livorno che vengono sanzionate anche per 1 metro quadrato occupato in più mentre ci sono quelle occupazioni dei centri sociali o degli extracomunitari che vengono sorvolate solo perché sembrano magari dei poveracci.

Poveracci però sono anche i commercianti italiani che devono mandare avanti una famiglia con la propria attività e magari l'Amministrazione Comunale con chiude un occhio.