#LivornoTimesLive: LA VITA POLITICA ED ECONOMICA DI LIVORNO IN TEMPO REALE, CLICCATE QUI | IL NOSTRO BLOG SU TWITTER: CLICCATE QUI E SEGUITECI | IL NOSTRO BLOG SU FACEBOOK: CLICCATE QUI PER VEDERE LA NOSTRA PAGINA | IL NOSTRO BLOG SU TUMBLR: CLICCATE QUI E SEGUITECI

martedì 31 luglio 2012

ANCHE PER IL SENATO IL CAPOLUOGO DI PROVINCIA DOVRA' ESSERE LA CITTA' PIU' POPOLOSA

Anche per il Senato della Repubblica il capoluogo delle nuove provincie che dovranno nascere dovrà essere la città con più abitanti, e quindi anche per il Senato della Repubblica il capoluogo della provincia dovrà essere Livorno.
Livorno quindi sarà il nuovo capoluogo al di là delle province accorpate: infatti si parla non solo di una fusione tra la provincia di Livorno e la provincia di Pisa ma anche della creazione di una provincia della Costa Toscana nella quale entreranno a farne parte anche la provincia di Massa e Carrara e una parte della provincia di Lucca (ovvero quesi comuni che fanno parte della Versilia).
La guerra però tra Livorno e Pisa continua ad andare avanti perché i pisani non ne vogliono proprio sapere di finire sotto Livorno.
Mamma mia che casino...

lunedì 30 luglio 2012

POLITICA: CONTINUA LO SCONTRO TRA LIVORNO E PISA

Continua lo scontro a distanza tra Livorno e Pisa sul capoluogo della nuova provincia. Il primo ad esultare per l'assegnazione di capoluogo alla nostra città è stato l'attuale presidente della provincia di Livorno Giorgio Kutufà; poi ci sono state le reazioni di tutte le istituzioni pisane che si sentivano stizzite dall'esultanza di Kutufà ed addirittura tutti i cittadini sono scesi in piazza contro la fusione tra la provincia di Pisa e quella di Livorno; ora ad alimentare ancora di più il fuoco ci ripensa il presidente Kutufà che addirittura ricorda come Napoleone, ai tempi del Departement della Mediterranee (nel periodo tra il 1808 ed il 1814), aveva proclamato Pisa provincia di Livorno.
Una guerra continua che non finirà mai...

venerdì 27 luglio 2012

POLITICA: LIVORNO CAPOLUOGO, A PISA SI SCATENA IL FINIMONDO

Se oggi il Senato della Repubblica Italiana conferma il decreto governativo (in commissione le modifiche apportate sono state veramente poche) la prefettura di Livorno sarà sede anche della prefettura di Pisa ed il che vuol dire che Pisa diventerà provincia di Livorno.
Uno smacco per i pisani che subito si sono scatenati sul web formando su Facebook un gruppo di 15mila persone contrarie al nuovo capoluogo.
Andrea Peroni, attuale presidente della provincia di Pisa, dice: "il vero potere sarà a Pisa, quella di Livorno sarà soltanto un sede per la sala riunioni".
In altre parole è successo il finimondo perché i pisani non si sentono secondi a nessuno e vogliono rivendicare la loro importanza politica.
Il caso è veramente interessante ed il clima sicuramente si farà sempre più incandescente con l'andare avanti dei giorni.
Seguiremo come sempre la vicenda con molta attenzione...

giovedì 26 luglio 2012

POLITICA: LIVORNO ED ANCONA POTREBBERO DIVENTARE PORTOFRANCO

Livorno potrebbe fare un salto nel passato e tornare come quando si trovava sotto i la famiglia dei Medici di Firenze, ovvero potrebbe ritornare portofranco.
L'idea è venuta a Marco Filippi senatore del Partito Democratico di Livorno insieme a Vannino Chiti (vicepresidente del Senato) sempre del Partito Democratico.
Ma perché l'idea di fare il tandem con Ancona? Perché Livorno ed Ancona potrebbero essere il capolinea, rispettivamente ovest ed est, di un "ponte di terra" italiano che si troverebbe nel mezzo di un corridoio strategico tra la Spagna ed il Mar Nero.
Vedremo come andrà avanti questa "folle" idea. Reputo "folle" perché in Italia di questi progetti sulla carta ce ne sono tanti e in pratica se ne realizzano pochi, per l'esistenza di troppa burocrazia .

mercoledì 25 luglio 2012

IL PREFETTO CONFERMA: IL CAPOLUOGO DELLA NUOVA PROVINCIA SARA' LIVORNO

La conferma arriva dal Prefetto della città di Livorno Tiziana Giovanna Costantino, ovvero colei che rappresenta il governo sul territorio, che dopo aver sentito Roma ha dato la versione ufficiale della delibera governativa pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale questa mattina in merito alla fusione della Provincia di Livorno con quella di Pisa: il capoluogo di Provincia dovrà essere la città con più abitanti e quindi sarà la nostra città, Livorno.
In altre parole Pisa diventerà provincia di Livorno e non viceversa. Ora però resta un passaggio in commissione bilancio del Senato che potrebbe aggiungere anche altri criteri.
Seguiremo come sempre la vicenda.

FUSIONE PROVINCE: E' DUBBIO SU QUALE SARA' IL CAPOLUOGO DELLA NUOVA PROVINCIA

Come sapete ormai tutta la provincia di Livorno sparirà per fare spazio alla nuova provincia che nascerà dalla fusione con quella di Pisa.
La parola fusione a Livorno non è ben digerita perché ricorda passati sportivi un pochino tormentati (la fusione tra Libertas e Pallacanestro negli anni novanta tanto per ricordare) ma il destino è quello di unire le due province.
La battaglia sicuramente sarà sul capoluogo della nuova provincia? Il comma 6 della delibera del Consiglio dei Ministri firmata ieri e pubblicata oggi sulla Gazzetta Ufficiale recita così: "in esito al riordino in cui al comma 1, assume il ruolo di comune capoluogo delle singole province il comune già capoluogo delle province oggetto di riordino con maggior popolazione residente".
Il comma si può leggere in due diversi modi: sarà capoluogo il Comune che ha più abitanti oppure sarà capoluogo il Comune della provincia con più abitanti?
Ma il dubbio rimane, vedremo come andrà a finire...

martedì 24 luglio 2012

ECONOMIA: H&M FINALMENTE ASSUME PER LIVORNO

In un clima economico così difficile per la nostra città e per l'intero paese una buona notizia ogni tanto fa bene.
Infatti la catena multinazionale H&M, che ha puntato da parecchio gli occhi su Livorno per aprire un negozio dove prima c'era il cinema-teatro Gran Guardia, ha finalmente sbloccato la situazione e deciso di iniziare con le assunzioni:

Ecco il link dove poter inviare il curriculum: http://about.hm.com/it/lavoraredahm__career.nhtml

lunedì 23 luglio 2012

IDV: DEL LUCCHESE NUOVO CAPOGRUPPO IN CONSIGLIO COMUNALE A LIVORNO

Sabato scorso si è tenuta la prima riunione del nuovo coordiamento provinciale dell'Italia dei Valori presieduta dal neo-coordinatore provinciale (ex coordinatore provinciale della Lega Nord) Andrea Romano.
La riunione ha stabilito, oltre al nuovo organigramma, il cambio di capogruppo in Consiglio Comunale tra lo stesso Romano e Lorenzo Del Lucchese.

sabato 21 luglio 2012

IL PDL FA FUORI IL PROPRIO CAPOGRUPPO IN PROVINCIA

Alla fine ha vinto la corrente di Alleanza Nazionale ed il Capogruppo in Provincia Costanza Vaccaro è stata silurata ed al suo posto è stato nominato Massimo Malanima (in quota Alleanza Nazionale naturalmente).
A votare per la sfiducia lo stesso Malanima, Alessandro Corsinovi, Maida Landi, Benito Gragnoli e Giovanni Sironi.
Il tutto, naturalmente, con l'appoggio del coordinatore provinciale Paolo Barabino che conferma che la parte di An del partito ha preso il controllo.
Ora si prospetta la fuoriuscita della stessa Vaccaro e di un'altra consigliera, Roberta Naldini, dal gruppo del Pdl per andare a formare un altro gruppo.

POLITICA: SECONDO IL GOVERNO SPARIREBBE LA PROVINCIA DI LIVORNO CON UNA FUSIONE NON ALLA PARI CON LA PROVINCIA DI PISA

Si potrebbe finire "schiavi" di Pisa. Almeno prendendo lettera per lettera le manovre che sta facendo il governo Monti.
Infatti la Provincia di Livorno potrebbe essere accorpata alla Provincia di Pisa ma non alla pari vedendo la grandezza della provincia pisana (415.000 abitanti) che è più grande della provincia livornese (350.000 abitanti).
Nonostante la nostra città sia la più grande della costa toscana tutti le rappresentanze del governo quali Prefettura, Questura, Provvedirato, Agenzia delle Entrate, Vigili del Fuoco, Asl e tanto altro.
Il Presidente della Provincia di Livorno si limita a dire: "...gli accorpamenti saranno indicati dal Consiglio delle autonomie locali con una proposta entro fine agosto. Proposta che andrà poi al vaglio della Regione e del Governo...".
Allora aspetteremo la fine d'agosto per vedere come si risolverà la questione.
Speriamo bene per noi livornesi...

venerdì 20 luglio 2012

IL NOSTRO BLOG SU FACEBOOK

Il nostro blog, dopo Twitter, sbarca anche su Facebook.

Potete diventare nostri fan visitando la nostra pagina sul famoso social network cliccando direttamente qui.

Potete rimanere aggiornati ancora più in maniera diretta su tutto quello che succede nel nostro blog con tutte le novità di politica ed economia sulla nostra città.

LIVORNO TIMES BLOG SU FACEBOOK

giovedì 19 luglio 2012

POLITICA: SUCCESSO PER MATTEO RENZI ALLA FESTA DELL'UNITA' DI LIVORNO

IL SINDACO DI FIRENZE
Successo tutto livornese per il sindaco di Firenze Matteo Renzi che, nella culla di Pierluigi Bersani (suo avversario di partito), ha incantato la platea con le sue parole.
Subito contrariati i vertici del partito toscano come Vannino Chiti che ha affermato: "faccia il sindaco invece di sprecare energie".
Magari Renzi fosse sindaco a Livorno...

martedì 17 luglio 2012

IL SINDACO COSIMI: PRONTO A DIMETTERMI SE...

Il Sindaco di Livorno Alessandro Cosimi ha dichiarato che si dimetterà solo se il suo partito, il Partito Democratico, gli toglierà la fiducia.
Il fatto è che sia l'Italia dei Valori che Sinistra Ecologia e Libertà hanno lasciato da solo il Partito Democratico e che la maggioranza che uscì dall'ultima tornata elettorale non esiste più.
Il Sindaco si dimostra quindi attaccato alla poltrona perché una persona di buon senso avrebbe già rassegnato le dimissioni per poter far sceglieri a cittadini livornesi una nuova maggioranza (che magari sarà la solita).

lunedì 16 luglio 2012

POLITICA: CAOS DURANTE IL CONSIGLIO COMUNALE

Caos durante una seduta del Consiglio Comunale. Si sono presentati durante la seduta i rappresentati del sindacato dell'ospedale, il Fials che hanno prostetato contro il nuovo presidio ospedaliero e la politica sanitaria.
Il consiglio comunale è stato interrotto per 15 minuti durante i quali il sindaco Cosimi ha avuto un confronto acceso con i rappresentati del sindacato.
Poi dopo il consiglio è ripreso con la discussione che ormai sono all'ordine del giorno della politica livornese, ovvero i problemi all'interno della maggioranza di sinistra.

domenica 15 luglio 2012

ECONOMIA: I GRANDI PALAZZI LIVORNESI MESSI IN VENDITA

E' ora dello shopping immobiliare a Livorno? Non è dato saperlo ma a Livorno sono stati messi in vendita due storici "palazzoni".
Uno si trova nella via della finanza livornese, via Cairoli, ed è quello dove prima aveva sede la Banca Commerciale Italiana (oggi Banca Intesa San Paolo). Si tratta di un palazzo di 2mila metri quadrati distribuiti su tre piani costruito nella prima metà dell'ottocento da una famiglia livornese, la famiglia Rodocanacchi.
L'altro palazzo si trova nel quartiere storico della "Venezia" e per l'esattezza nella parte iniziale di via Borra ed è il palazzo Michon. Anche questo è uno storico palazzo in cui aveva la sede il Partito Comunista livornese.
Chi comprerà questi due palazzi? Staremo a vedere...

POLITICA: E' ANDREA ROMANO IL NUOVO SEGRETARIO LIVORNESE DELL'IDV

E' stato eletto Andrea Romano, il tanto discusso capogruppo dell'Italia dei Valori in consiglio comunale a Livorno, nuovo coordinatore provinciale del partito di Di Pietro.
Pensate che erano presenti sia il Sindaco di Livorno che il Presidente della Provincia di Livorno rappresentanti di un partito, il Partito Democratico, che in consiglio comunale ha fatto una guerra a Romano senza precedenti.
Ora Romano lascerà la carica di Capogruppo ad Lorenzo Del Lucchese.

ECONOMIA: PER IL RIFACIMENTO DI VIA GRANDE SARANNO SBORSATI OLTRE 1 MLN DI EURO

VIA GRANDE
Tra sei mesi prenderanno il via i lavori per rifacimento di via Grande. Alle tasche di noi livornesi costerà più di 1 milione di euro, per l'esattezza 1 milione e 250mila euro.
Verranno realizzate due rotatorie al posto di due semafori, una all'altezza del palazzo dei portuali ed un'altra in piazza Micheli. Via San Giovanni verrà trasfromata in doppio senso di marcia fino al palazzo della Camera di Commercio e della Banca d'Italia. In via Grande verranno realizzate due corsie riservate al trasporto pubblico in doppio senso di marcia, una corsia risevata al trasporto privato sempre in direzione mare-terra. Al lato della corsia privata verrà creata una corsia per lo scarico ed il carico della merce che, dopo le 20, verrà riservata al parcheggio dei residenti.
Piazza Grande verrà completamente rinnovata nel suo aspetto: verrà riqualificata completamente con lastre di pietra color "grigio d'istria" e saranno piantate nuove palme.

venerdì 13 luglio 2012

POLITICA: SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA' ESCE DALLA MAGGIORANZA A LIVORNO

Il partito di Sinistra Ecologia e Libertà ha deciso di uscire dalla maggioranza che appoggia l'amministrazione comunale di Livorno guidata dal Sindaco Cosimi.
Ad annunciarlo il segretario provinciale del partito di Vendola, Andrea Ghilarducci. Ora bisogna vedere se anche l'assessore presente in giunta, Bettini, deciderà di seguire il proprio partito oppure no.
Elezioni anticipate più vicine???

giovedì 12 luglio 2012

ECONOMIA: ARRESTATO GIANMARIO ROSSIGNOLO

LA FAMAGLIA ROSSIGNOLO AL GRAN COMPLETO
Si fa sempre più nero il futuro nell'alta finanza per la famiglia Rossignolo che, come si dice a Livorno, voleva fare "le nozze con i fichi secchi", ovvero senza una lira voleva tirare su un impero per le auto di lusso.
E' notizia di questa mattina che la Procura della Repubblica di Torino ha arrestato Gianmario Rossignolo in merito ad un'inchiesta sui corsi di formazione effettuati dagli operai dello stabilimento di Torino.
L'arresto di Rossignolo segue la dichiarazione di fallimento emessa dal Tribunale Fallimentare di Livorno poche settimane fa.

martedì 10 luglio 2012

PORTO DI LIVORNO: ALTRA FIGURACCIA SULLE CROCIERE

LA QUEEN ELIZABETH CHE ESCE DAL PORTO DI LIVORNO
Ma come fa a decollare l'economia livornese che si basa principalmente sul porto se, una volta al mese, si fanno brutte figure?
Questa volta è successo per quanto riguarda il gruppo Royal Carribean che ha visto respingere la nave "Liberty of the Seas" quando poche ore prima aveva affermato che voleva puntare sul nostro porto.
La nave è stata respinta perché era troppo grossa per il normale porto passeggeri e, l'uniche due alternative possibili l'Alto Fondale ed il Molo Italia, erano occupati.
Ma è mica possibile continuare a rifiutare passeggeri senza aver imparato dagli errori effettuati in passato.
E poi i nostri amministratori pensano al Palio...

ECONOMIA: NEGOZI LIVORNESI APERTI ANCHE LA SERA

Saranno aperti anche la sera i negozi livornesi in questo mese di luglio. L'iniziativa serve per provare a vedere se le persone si recheranno a fare acquisti visto che nel pomeriggio, con queste temperature, i locali sono vuoti.
Da stasera, per tutti i martedì di luglio, i negozi di via Ricasoli e via Grande e delle altre vie del centro saranno aperti.

giovedì 5 luglio 2012

DE TOMASO: E' ARRIVATO IL FALLIMENTO

LA FAMIGLIA ROSSIGNOLO
E' stato dichiarato ufficialmente dal Tribunale fallimentare di Livorno il fallimento della De Tomaso, l'industria automobilistica della famiglia Rossignolo (nella foto).
Il giudice fallimentare di Livorno De Franco ha così dato il colpo del ko all'azienda che ha gli stabilimenti in Toscana e Piemonte.
Curatore fallimentare è stato nominato Paolo Carotti (commercialista livornese).

ECONOMIA: PER ORA SALTA L'AFFARE BILLA-CONAD SU LIVORNO

Dovevano essere questi i giorni del passaggio, per quanto riguarda il supermercato di via Grande, da Billa a Conad ma per ora è tutto rimandato.
Tutti i clienti avevano visto i volanti affissi nel supermercato che annunciavano l'evento con anche la data precisa, il 25 giugno, per quanto riguarda l'ultimo giorno di apertura del punto Billa.
Ad un certo punto poi qualcosa è andato storto visto che si è sparsa la voce che l'operazione Billa-Conad sarebbe saltata, con lo spettro del licenziamento per tutti i dipendenti.
Ma il direttore sviluppo della Conad Azzalin calma tutti dicendo che "...Conad ha fatto un accordo con Billa per rilevare 43 punti vendita in tutta Italia tra i quali c'è anche quello di Livorno..." aggiungendo anche: "...Non non ci siamo ritirati, ma non è ancora stato possibile fare il passaggio del supermarket di via Grande".
Staremo a vedere...

mercoledì 4 luglio 2012

ECONOMIA: A LIVORNO SBARCHERANNO LE FIAT-CHRYSLER DAL NORD AMERICA

Qualche notizia positiva per il porto di Livorno ogni tanto c'è. Infatti è notizia di questi giorni che nel nostro porto sbarcheranno le macchine Fiat-Chrysler provenienti dal nord America e destinate al mercato dell'Europa del sud.
Le 50mila auto Fiat-Chrysler che sbarcheranno durante l'anno in porto saranno temporaneamente parcheggiate presso l'autoparco del Faldo (a Collesalvetti) prima di prendere la strada per il resto del sud Europa.
L'accordo con la Fiat non è il solo ad essere stato raggiunto. Infatti sbarcheranno nel porto di Livorno anche le auto cinesi cloni dell'ex Rover 75 e aumenteranno le macchine della Hyundai e della Kia.
Segno importante che il porto della nostra città è un punto nevralgico per l'Europa del Mediterraneo.

martedì 3 luglio 2012

ECONOMIA: MA QUANTO CI COSTA FARE IL PIENO DI BENZINA?

Normalmente sul blog non tratto di argomenti di carattare nazionale ma solo di carattere locale, ma quanto questi argomenti nazionali colpiscono sempre più direttamente noi cittadini allora è giusto parlarne.
Questa volta l'argomento è la benzina, in particolare quanto costa in realtà e quanto costa invece alla "fonte".
Trovando del materiale alla fine facendo due calcoli la benzina potrebbe essere rivenduta dalle Compagnie Petrolifere al di sotto di 1 euro.
Prendiamo per esempio la benzina che viene prodotta in Venezuela:

  • la Compagnia di perforazione paga, al litro, allo stato un compenso di 60 centesimi il litro;
  • il trasporto sulle navi e su camion viene a costare 2,5 centesimi al litro;
  • per raffinare il petrolio viene a costare sempre 2,5 centesimi al litro;
  • le Compagnie petrolifere possono avere anche un margine di guadagno netto di 8,7 centesimi al litro;
  • tutte le spese di dettaglio ed anche del distributore possono avere anche margini di 5,7 centesimi al litro;
Alla fine, tirando tutte le somme, il costo della benzina si aggira sicuramente a meno di 1 euro. Ma perché allora dobbiamo pagare il doppio o molto di più e che, Compagnie come l'Eni, quando fanno prezzi come in questi giorni (1,580 la benzina e 1,480 il diesel) sembra che facciamo chissà cosa.
Bene: al costo finale della benzina ci vanno aggiunte il 54% di tasse che allo stato garantiscono un'entrata di 37 miliardi di euro in più le varie addizionali regionale come la Toscana che da gennaio del 2012 ha aumentato la parte sua di 6,1 centesimi al litro.
Ma che vergogna...

lunedì 2 luglio 2012

POLITICA LIVORNESE IN LUTTO: E' MORTO GIANFRANCO GABBA

Politica livornese in lutto: è morto Gianfranco Gabba, ex Democrazia Cristiana, all'età di 23 anni. Gabba era entrato in consiglio comunale a 23 anni, a 30 anni è diventato il segretario provinciale della DC.
Il prossimo 4 ottobre avrebbe compiuto 84 anni nel prossimo mese di ottobre.
E' stato anche presidente del comitato del turismo per Livorno, componente della commissione interministeriale per le normative delle strutture alberghiere, presidente dell'Automobil Club, vice-presidente della Cassa di Risparmio di Livorno e sempre vice-presidente della stessa Fondazione della banca.
Gabba lascia la compagna Anna, i figli Mauro e Stefano e i nipoti Matteo, Lorenzo e Gabriele.

domenica 1 luglio 2012

POLITICA: ANCORA PIU' INSISTENTI LE VOCI DELLA FUSIONE FRA LA PROVINCIA DI LIVORNO E QUELLA DI PISA

Il presidente della provincia di Pisa Pieroni ha scritto una lettera al presidente della provincia di Livorno Kutufà per chiedere nuovamente la fusione tra le due provincie.
Nella lettera il presidente della provincia di Pisa propone di unire le due provincie in nome del risparmio ed in questo modo di anticipare gli intenti del governo.
Il presidente della provincia di Livorno Kutufà risponde ricordando che in passato Livorno e Pisa hanno provato a fare delle cose in comune come la creazione del consorzio comune di trasporti pubblici nel 1979 sotto il nome di Acit salvo poi tornare indietro dopo qualche anno.
Il fatto è che le decisioni devono essere il prima possibile, staremo a vedere come finirà il caso...