#LivornoTimesLive: LA VITA POLITICA ED ECONOMICA DI LIVORNO IN TEMPO REALE, CLICCATE QUI | IL NOSTRO BLOG SU TWITTER: CLICCATE QUI E SEGUITECI | IL NOSTRO BLOG SU FACEBOOK: CLICCATE QUI PER VEDERE LA NOSTRA PAGINA | IL NOSTRO BLOG SU TUMBLR: CLICCATE QUI E SEGUITECI

venerdì 19 dicembre 2014

RIVOLUZIONE IN VISTA PER LE REGIONI?

IL FUTURO CAMBIAMENTO DELLE REGIONI
C'è una proposta di legge per riformare le Regioni italiane riducendone il numero fino a crearne 12. Ecco come dovrebbero essere:
  • REGIONE ALPINA: Piemonte, Valle d'Aosta e Liguria
  • REGIONE LOMBARDIA: non cambia niente
  • REGIONE TRIVENETO: Trentino Alto-Adige, Friuli Venezia Giulia e Veneto
  • REGIONE EMILIA-ROMAGNA: non cambia niente
  • REGIONE APPENINICA: Toscana, Umbria e la provincia di Viterbo
  • REGIONE ROMA CAPITALE: solo la provincia di Roma
  • REGIONE ADRIATICA: Abruzzo, Marche, metà Molise ed un pezzo del Lazio
  • REGIONE TIRRENICA: Campania e sud del Lazio
  • REGIONE LEVANTE: Puglia, metà Molise e metà Basilicata
  • REGIONE PONENTE: Calabria e provincia di Potenza
  • REGIONE SICILIA: non cambia niente
  • REGIONE SARDEGNA: non cambia niente

ECCO UN ALTRO GRANDE SUCCESSO DELLE ISTITUZIONI LOCALI

IL CALL CENTER DI GUASTICCE
Ecco che si preannuncia un altro grande successo della politica economia della Regione Toscana, della provincia di Livorno, del Comune di Collesalvetti e del Comune di Livorno.
In questo caso si parla del call center People Care che ha sede a Guasticce. Un caso che potrebbe trasformarsi in un nuovo caso TRW.
Infatti l'amministratore delegato del call center ha convocato per il 23 dicembre, tanto per fare gli auguri di natale e dare un bel regalo, le rappresentanze sindacali per parlare di esuberi e della chiusura dell'azienda.
Un passo in avanti che non è affatto positivo visto che porta praticamente sul l'orlo del burrone. In altre parole di preannuncia un altro dramma "Made in Leghorn".
Che faranno le istituzioni livornesi e fiorentine? Come al solito si muoveranno sicuramente solo di facciata tanto per dire non ci abbiamo provato e per recuperare voti in vista delle prossime elezioni regionali.

mercoledì 17 dicembre 2014

STANGATA A 5 STELLE

UNA VEDUTA DI LIVORNO
Cambia il colore della giunta ma, a quanto pare, non cambia l'idea di vedere l'economia livornese. Infatti la giunta comunale ha deciso per il 2015 una sonora stangata sulla Tasi, la tassa sulla prima casa, che ha sostituito l'IMU.
Nell'ultima commissione bilancio è stato stabilito che l'aliquota potrebbe passare dal 2,5 per mille al 3,5 per mille aumentando così il gettito da circa 16 milioni di euro a circa 23 milioni di euro.
L'aumento della Tasi è inserito in una manovra che prevede la maggiorazione di tutte le tasse locali di, più o meno, 11 milioni di euro.

lunedì 15 dicembre 2014

POLITICA: ALLA "GOLDONETTA" UN INCONTRO TRA IL SINDACO ED I COMMERCIANTI

Si è svolto alla "Goldonetta", all'interno del Teatro Goldoni, un incontro tra il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin (c'erano anche gli assessori al Commercio Paola Baldori ed al Turismo Nicola Perullo) ed i commercianti del centro cittadino.
Dalla conferenza sono venuto fuori parecchie idee tra le quali la pedonalizzazione del centro città e l'apertura di alcuni ristoranti al mercato centrale.
L'assessore al Commercio ha anche invitato a riflettere su Livorno come "smart-city" ovvero Livorno "città intelligente".

mercoledì 10 dicembre 2014

ECONOMIA: 4 PROPOSTE PER RILANCIARE LIVORNO

IL PORTO DI LIVORNO E LA PARTE DOVE DOVREBBE
NASCERE LA DARSENA EUROPA
In un incontro avvenuto tra il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, l'assessore al lavoro e alle attività produttive della Regione Toscana Gianfranco Simoncini, il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin, il presidente della provincia di Livorno Alessandro Franchi, il presidente dell'Autorità Portuale di Livorno Giuliano Gallanti ed il presidente della Camera di Commercio di Livorno Sergio Costalli, sono venute fuori 4 proposte da presentare al governo per rilanciare la nostra città.
La prima e principale proposta è il rilancio del porto di Livorno tramite la realizzazione della Darsena Europa ed il completamento, finalmente, dei collegamenti ferroviari del porto con la rete nazionale ed il retro porto (Interporto Vespucci). Un investimento importante che andrà oltre i 500 milioni di euro che permetterà di rendere il nostro porto più moderno e competitivo.
La seconda proposta riguarda la reindustrializzazione di Livorno ma anche di Collesalvetti e Rosignano. La proposta contiene incentivi ed agevolazione compreso l'abbattimento dell'Irap per le imprese che decideranno di insediarsi sul territorio.
La terza riguarda la bonifica ambientale sia dell'area portuale che di quella industriale. La quarta ed ultima proposta riguarda il potenziamento del progetto della Regione Toscana "GIOVANI SI" (cliccate qui per vedere il sito) che offre ai ragazzi opportunità di avvicinamento al mondo del lavoro.

lunedì 8 dicembre 2014

LORENZO BACCI NUOVO SEGRETARIO PARTITO DEMOCRATICO LIVORNESE

Lorenzo Bacci, sindaco di Collesalvetti filo-Renzi, è il nuovo segretario delle federazione del Partito Democratico che va da Collesalvetti ed arriva a Bibbona.
Bacci ha vinto di misura superando di poco la soglia del 50% prendendo per la precisione il 51,01% per un totale di 1870 voti.
Gli altri candidati hanno preso: Leonardo Conforti 850 voti (23,19%), Pietro Caruso 534 voti (14,57%), Oriani Rossi 269 voti (7,34%) e Andrea Autieri 142 voti (3,87%).

giovedì 4 dicembre 2014

TRW: FINISCE L'AVVENTURA


Novità triste, anzi tristissima per la nostra amata Livorno. Alla fine, infatti, ha avuto la meglio la TRW e chi ci rimetterà, come sempre, saranno i lavoratori livornesi.
Così il 31 dicembre 2014 sarà l'ultimo giorno di vita dello stabilimento livornese della multinazionale statunitense.
La TRW ha proposto come buonauscita ai 412 dipendenti circa 42 mila euro a testa che più o meno sarebbe come lo stipendio mensile per due anni. I sindacati invece hanno chiesto all'azienda di liquidare le mensilità per tre anni.
In altre parole la trattativa per salvare il posto di lavoro è terminata e rimane in piedi solo la trattativa per la liquidazione.

IL M5S CONTRO LA DARSENA EUROPA

LA PARTE DEL PORTO DI LIVORNO DOVE DOVREBBE
NASCERE LA DARSENA EUROPA
Come viene riportato anche da "Il Tirreno" (cliccate qui per leggere l'articolo), il Movimento 5 Stella che sta guidando la città di Livorno si scaglia contro la costruzione della Darsena Europa.

L'ARTICOLO DE "IL TIRRENO"
La Darsena Europa non è altro che il futuro porto commerciale della nostra città e di conseguenza il futuro economico di Livorno dipende da questo importante progetto.
Ed il Movimento 5 Stella cosa fa? Paragona la Darsena Europa alla Tav. Il gruppo consigliare dei grillini addirittura vuole rimandare di un paio di anni il piano perché non è stato discusso dalla cittadinanza. 
I grillini hanno anche dichiarato che l'impatto sulla città sarà uguale a quello della Tav. 
Mah.....

martedì 2 dicembre 2014

LA REGIONE TOSCANA "COMMISSARIA POLITICAMENTE" LIVORNO

L'ASSESSORE SIMONCINI, AL CENTRO, DURANTE UN
EVENTO DI CLASS/CNBC
Potremmo parlare di vero e proprio commissariamento da parte della Regione Toscana nei confronti dell'amministrazione comunale livornese (almeno noi la vediamo così).
La Regione Toscana con il suo presidente Enrico Rossi ha infatti dato il via libera per la creazione di un nucleo operativo tecnico per mettere nero su bianco un programma per la reindustrializzazione ed il rilancio economico di Livorno. Questo gruppo verrà guidato dall'assessore regionale alle attività produttive Gianfranco Simoncini (livornese doc).
In altre parole il messaggio che viene lanciato è il seguente: voi della giunta comunale a 5 stelle non siete buoni e quindi ci pensiamo noi.
Infatti il nucleo operativo tecnico si riunirà ogni 15 giorni per produrre documenti di monitoraggio periodico per arrivare a decidere interventi da mettere in campo per risolvere la crisi economica di Livorno.
A noi sembra un vero e proprio commissariamento, a voi no?

lunedì 1 dicembre 2014

BURGER KING A LIVORNO

IL PUNTO BURGER KING DI VIA FIRENZE
Alla fine a Livorno è sbarcato anche Burger King, la catena di hamburger concorrente n.1 a Mc Donalds.
Così dopo Mc Donalds (che ormai a Livorno è una presenza storica), Old Wild West (che ha aperta poco prima di Burger King), anche Burger King ha deciso di aprire a Livorno.
Il dato di fatto è che, sicuramente, la crisi nel settore dei fast food non conosce periodi negativi nella nostra città anzi è proprio questo un periodo in cui tutti i grandi marchi decidono di aprire un loro punto in città.
All'inaugurazione era presente anche il comico livornese Paolo Ruffini.

giovedì 27 novembre 2014

PEOPLE CARE: LE PAROLE DEL SINDACO DI LIVORNO FILIPPO NOGARIN

IL CALL CENTER PEOPLE CARE DI GUASTICCE
Il 26 novembre a Firenze c'è stato l'incontro tra i vertici della Regione Toscana, i vertici di People Care e gli amministratori locali sul caso del call center People Care di Guasticce. L'unico assente era il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin che non è stato invitato alla riunione.
Nonostante questo inconveniente Nogarin dichiara, in una nota sul sito del Comune di Livorno: "...anche se il Comune di Livorno non è stato invitato all'incontro in Regione fra le istituzioni ed i vertici di People Care, l'Amministrazione ribadisce la propria disponibilità a fare parte di un percorso comune, per poter affrontare con maggiore incisività le criticità dell'azienda e fare si che resti radicata nel nostro territori.", continua "...non si comprende francamente perché il Comune di Livorno non sia stato coinvolto, a differenza di altre vicende come della di Eni".

POTETE LEGGERE ALTRE DICHIARAZIONE DEL SINDACO FILIPPO NOGARIN CLICCANDO QUI

IL CASO DELLA DRASS

IL PROGETTO DEL COMUNE E QUELLO DELLA DRASS
La Drass Energy di Livorno è una delle grandi eccellenze presenti a Livorno. La Drass è leader mondiale nel campo delle camere iperbariche di grande profondità.
Adesso la Drass rischia di chiudere per colpa di un sottopassaggio. Avete capito bene un sottopassaggio.
La società si trova in via Magri, nella zona industriale del Picchianti, e nella zona è prevista la creazione di un sottopassaggio al posto dell'attuale passaggio a livello da parte di Rfi (società del gruppo Ferrovie dello Stato).
Proprio questo progetto (che potete vedere nell'immagine sopra evidenziato in rosso) rischia di tagliare a metà la Drass visto che la strada si trova nel mezzo del sottopasso (cose da pazzi!!!). Solo in Italia, sono a Livorno possono succedere queste cose. Addirittura Rfi ha aperto un cantiere per i lavori nell'area della fabbrica.
I lavoratori chiedono di rimanere aperti visto che la ditta naviga in buone acque economiche. Gli stesi lavoratori chiedono all'amministrazione comunale di trovare soluzioni alternative per realizzare il sottopasso ma senza spezzare in due lo stabilimento.
Addirittura la stessa Drass ha presentato un progetto (nell'immagine sopra evidenziato in celeste) alternativo di costruzione del sottopassaggio che eviterebbe la divisione del territorio aziendale.
La vicenda è molto complicata perché di mezzo ci sono le istituzioni pubbliche ma sarebbe anche semplice visto che, con l'approvazione del progetto presentato dalla Drass, la vicenda si chiuderebbe in neanche mezza giornata.
Vedremo come si concluderò la vicenda, non la seguiremo come sempre, ma crediamo che sia ingiusto non andare incontro alle richieste di un'importantissima azienda presente sul territorio cittadino (una delle poche).

martedì 25 novembre 2014

ECONOMIA: OGGI SCIOPERO DI 3 ORE A LIVORNO

Sciopero di 3 ore a Livorno. Il programma dello sciopero prevede una manifestazione con partenza da piazza della Repubblica alle ore 9 e che proseguirà nella strade cittadine: via Grande, piazza del Pamiglione, via San Giovanni, piazza del Municipio per finire poi in piazza Luogo Pio.
La manifestazione è stata organizzata dalle organizzazioni sindacali.

venerdì 21 novembre 2014

LA PIATTAFORMA EUROPA AL CENTRO DEGLI OBIETTIVI DELLA REGIONE TOSCANA

LA PARTE DEL PORTO DI LIVORNO DO DOVREBBE NASCERE
LA DARSENA EUROPA
Il porto di Livorno torna al centro dell'attenzione del governo regionale, o almeno sembra visto che tutto questo coincide con l'avvicinarsi della campagna elettorale per le prossime elezioni regionali.
In particolare la Regione Toscana ha deciso di mettere al centro dei propri progetti economici la Piattaforma Europa, ovvero quello che dovrebbe diventare il porto commerciale livornese del futuro.
In un vertice che si è tenuto a Firenze il governatore dell Toscana, Enrico Rossi, ha messo nero su bianco una serie di finanziamenti per un totale di 640 milioni di euro, per dare il via alla costruzione della Piattaforma Europa.
Nello specifico: la Regione nel suo bilancio del 2015 stanzierà 150 milioni di euro; dal patto di stabilità varato dal Governo arriveranno altri 150 milioni euro; 140 milioni di euro le garantirà l'Autorità Portuale di Livorno con un accordo con la Cassa depositi e prestiti; 200 milioni di euro dovranno arrivare, almeno così è previsto, dal project financing.
Ma tutto questo avverrà oppure no? Il dubbio sicuramente c'è soprattutto perché ci stiamo avvicinando al periodo elettorale, un'elezione importantissima per quanto riguarda il Partito Democratico di Livorno.
Le uniche parole che possiamo dire in questo caso sono: speriamo bene...

CASO PEOPLE CARE: ECCO LE PAROLE DELL'ASSESSORE E DEL RAPPRESENTANTE CGIL

Sul canale Youtube dell'ufficio stampa del Comune di Livorno ci sono le interviste all'assessore Francesca Martini e del rappresentante della CGIL Bellandi sul caso del call center di Guasticce People Care.

Ecco le parole d'assessore Martini:


e quelle di Bellandi:

L'APPELLO DEL VESCOVO DI LIVORNO SULL'ECONOMIA LIVORNESE A RADIO VATICANA

LA PAGINA DEL SITO DI RADIO VATICANA
Il Mons. Giusti, Vescovo di Livorno, porta lo stato della crisi economia di Livorno all'attenzione di Radio Vaticana, l'emittente radiofonica della Chiesa Cattolica.
Nell'appello il Vescovo chiede: "Bisogna fare presto. Credo che nello "Sblocca Italia" il governo debba pensare a qualcosa che sblocchi l'economia livornese. Non bisogna pensare solo ad alcune aree di crisi ma pensare anche a Livorno che vive una grande crisi occupazionale...".
Un appello forte che mette la crisi economica livornese al centro del dibattito nazionale.

mercoledì 19 novembre 2014

ALTRO MAXI NEGOZIO IN CENTRO

L'ARTICOLO DI QUILIVORNO.IT CHE PARLA DELL'ARGOMENTO
Secondo quanto riportato da Quilivorno.it (il quotidiano online di Livorno) in centro potrebbe aprire un altro maxi negozio.
In particolare l'edificio in cui sorgerà si trova in via Michon nella specifico nell'ex cinema Jolly e prima ancora ex salone Margherita (nel lontanto 1913).
Il superstore (sempre secondo quanto si legge nell'articolo, POTETE CLICCARE QUI PER LEGGERLO) dovrebbe occupare i due piani dell'edificio.

martedì 18 novembre 2014

LA REGIONE VUOLE INTERVENIRE SULLA CRISI ECONOMICA CHE ATTRAVERSA LIVORNO

UNA VEDUTA DEL PORTO DI LIVORNO
Ora anche la Regione Toscana interviene in merito alla crisi economica che sta attraversando la nostra città con notizie negative ogni giorno.
Per la Regione intervengono sia il presidente Enrico Rossi che l'assessore alle attività produttive Gianfranco Simoncini (livornese doc) che esprime le sue idee su Twitter:




Dalle pagine del quotidiano "Il Tirreno" (POTETE CLICCARE QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO) il presidente Rossi dichiara di voler stanziare 160 milioni di euro per il nostro porto:

ARTICOLO DE "IL TIRRENO"
Niente male tutte queste dichiarazioni. Ora da passare dalle parole ai fatti tocca agli amministratori per cercare di mantenere le promesse.

LA PRESA IN GIRO DELLA TRW


Una bella presa in giro da parte delle TRW nei confronti della nostra città e dei livornesi. Infatti la multinazionale dell'automotive ha deciso di investire 8 milioni, e dico 8 mlioni, di euro negli altri stabilimenti presenti in Italia e dislocati in tre regioni, Lombardia, Piemonte e Romagna.
In altre parole: in tutto ridimensionamento che è stato pensato dalla TRW i primi a rimetterci sono sempre i livornesi.

I FUMETTI DI LIVORNO TIMES: LA CRISI ECONOMICA LIVORNESE

POLITICA: IN 5 PER LA CORSA ALLA POLTRONA DI SEGRETARIO LIVORNESE DEL PD

Saranno 5 i candidati alla segreteria territoriale per quanto riguarda il Partito Democratico di Livorno. Ecco i nomi: Andrea Autieri, Lorenzo Bacci, Pietro Caruso, Leonardo Confroti e Oriana Rossi.
Le elezioni si svolgeranno il 7 dicembre dalle 8.00 alle 20.00.

domenica 16 novembre 2014

MANIFESTAZIONE LAVORATORI LIVORNESI PER LE STRADE DELLA CITTA'

UN MOMENTO DELLA MANIFESTAZIONE
Si è svolta sabato 15 novembre per le strade della città la manifestazione di tutti gli impiegati della maggiori aziende presenti sul territorio, dalla Trw al call center People Care di Guasticce. La giornata non è stata dei migliori visto il tempo ma molti negozi hanno partecipato alla manifestazione abbassando a metà le proprie saracinesche. (POTETE VEDERE ALTRE FOTO CLICCANDO QUI)

Ecco, in video, un momento della protesta:

sabato 15 novembre 2014

NUOVO PIANO DEL TRAFFICO A LIVORNO A MARZO DEL 2015

L'ARTICOLO DE "IL TIRRENO" CHE PARLA DELL'ARGOMENTO
L'assessore alla mobilità del Comune di Livorno, Giovanni Giordani, dalle pagine de "Il Tirreno" (leggete l'articolo completo CLICCANDO QUI) dichiara che nel marzo del prossimo anno ci sarà un nuovo piano del traffico.
Un piano dove ci sarà più spazio alla mobilità sostenibile e meno affollamento per ciclomotori e motocicli. 
Così dopo 26 anni Livorno vedrà stravolta nuovamente la propria viabilità. Vedremo ad anno nuovo come verrà modificata la nostra città.

venerdì 14 novembre 2014

POLITICA: CONVEGNO A LIVORNO CON IL MINISTRO DELL'AMBIENTE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE GIAN LUCA GALLETTI
Si sta svolgendo a Livorno un convegno dal titolo "Il mare: la sostenibilità come motore di sviluppo" organizzato dal ministero dell'Ambiente.
A presenziare all'apertura dei lavori (il convegno si svolgerà il 14 ed il 15 novembre) al terminal crociere del porto di Livorno il ministro Gian Luca Galletti.
Il titolare del dicastero ha sottolineato che l'ambiente non deve essere un blocco allo sviluppo economico del paese ma deve essere un incentivo per creare nuova occupazione e sviluppo.

LO STATO DELL'ECONOMIA DI LIVORNO DIVENTA SEMPRE DI PIU' UN CASO NAZIONALE

L'ARTICOLO DE "IL SOLE 24 ORE"
Livorno diventa un caso sempre quando ci sono delle notizie negative. In questo caso si tratta dello stato in cui versa l'economia cittadina.
In particolare il quotidiano "Il Sole 24 Ore" dedicata un articolo dal titolo "Livorno non riesce a rialzarsi, l'industria è in ginocchio".
L'articolo, a firma di Silvia Pieraccini, inizia dicendo: "Un timore così grande e diffuso, a Livorno, non si percepiva da anni. L'emergenza economica e occupazionale, che da mesi covava sotto la cenere delle mancate scelte politiche e delle divisioni cittadine, è esplosa in tutta la sua crudezza con la crisi della TRW, multinazionale dell'automotive che entro dicembre intende chiudere lo stabilimento che occupa 500 addetti, e con quella della raffineria Eni, che dà lavoro a 1000 persone e che il gruppo petrolifero ha appena annunciato di voler vendere a un soggetto industriale..." (POTETE CLICCARE QUI PER VEDERE L'ARTICOLO COMPLETO).
Una descrizione cruda ma che racconta in pieno quello che sta vivendo la nostra città in questo periodo. 
L'unica speranza è che la politica alla fine prenda delle scelte giuste per il futuro di Livorno. E non un futuro di 1-2 anni (come in passato alcune amministrazioni hanno fatto) ma un futuro molto più ampio.

giovedì 13 novembre 2014

PORTA A MARE: PROGETTO PARTECIPATIVO INDETTO DAL COMUNE DI LIVORNO

COME DOVREBBE DIVENTARE LO "SKYLINE" DI PORTA A MARE
L'amministrazione comunale pentastellata di Livorno ha deciso di indire un bando partecipativo che si può trovare sul sito del Comune di Livorno (www.comune.livorno.it), per quanto riguarda il futuro del nuovo quartiere di "Porta a Mare".
Il progetto è stato approvato anche dalla Regione Toscana che ha assegnato anche 40.000 euro. Per partecipare al bando del progetto (che partirà a gennaio 2015 e finirà nel mese di maggio) i soggetti interessati hanno tempo fino al 5 dicembre per presentare un'offerta.

martedì 11 novembre 2014

CALL CENTER DI GUASTICCE: COMUNE E REGIONE CONVOCANO L'AZIENDA

IL CALL CENTER DI GUASTICCE
Si potrebbe creare un altro caso Eni o TRW a Livorno e potrebbe essere quello del call center People Care di Guasticce dove attualmente lavorano più di 400 persone.
Ma in questo caso la Regione Toscana ed il Comune di Livorno giocano d'anticipo e, come si legge dai giornali locali, convocano i vertici aziendali.
Il 30 maggio prossimo scadrò la commessa di Seat (per intenderci quella di Pagine Bianche e Pagine Gialle) ed in qualche modo il problema dovrà essere risolto prima.
Interessante la proposta di Cristiano Toncelli, candidato a Sindaco della lista civica Progetto per Livorno alle passate elezioni, che lancia l'idea di affidare a People Care la gestione dei costumer care per acqua e rifiuti oppure la gestione della centrale del 118.
Vedremo come andrà a finire e noi di Livorno Times Blog seguiremo passo dopo passo tutti gli avvenimenti.

lunedì 10 novembre 2014

I REPORTAGE: LO STATO DEL FOSSO DI VIALE CAPRERA

LA CARTINA DI PIAZZA DEL LUOGO PIO
Oggi nei nostri reportage vi vogliamo parlare del fosso di viale Caprera che è stato aperto ma che in un centro punto si interrompe a metà.
Ecco nella parte del fosso che costeggia praticamente piazza del Luogo Pio vi possiamo trovare resti di qualsiasi tipo di bottiglia, dalla semplice bottiglia di plastica dell'acqua alla bottiglia di vetro della birra.

Ecco la foto:

IL FOSSO DI VIALE CAPRERA
La domanda sorge spontanea: ma come si fa a lasciare un piccolo specchio d'acqua che si trova nel mezzo della zona storica che dovrebbe essere la più turistica della città così sudicio? 
Le colpe sono in due: le persone che nella loro inciviltà gettano le bottiglie vuote nel fosso e di chi deve pulire che se ne frega di fare qualcosa.
Speriamo che qualcuno si faccia carico e prenda iniziativa.

venerdì 7 novembre 2014

LA CONFCOMMERCIO DICE NO ALL'ESSELUNGA ALL'EX FIAT

L'ARTICOLO IN QUESTIONE DE "IL TIRRENO"
Dopo la dichiarazioni di Caprotti e dopo l'incontro del Sindaco di Livorno Filippo Nogarin con i vertici di Esselunga, ecco che arrivano le dichiarazioni del presidente della Confcommercio di Livorno Giannantonio Cesari che si dice contrario all'apertura dell'Esselunga nell'ex succursale Fiat di viale Petrarca.
Nell'intervista rilasciata al quotidiano livornese (sopra l'articolo in questione) "Il Tirreno" Cesari si dichiara apertamente contro all'Esselunga all'ex Fiat per paura della ricaduta negativa sui negozi dei quartieri limitrofi di Coteto e Colline.

mercoledì 5 novembre 2014

ECONOMIA: ECCO CHE ARRIVA L'ESSELUNGA A LIVORNO

L'ARTICOLO DE "LA NAZIONE" CHE PARLA DELL'ESSELUNGA
Esselunga sbarcherà a Livorno. Almeno così dice il sito internet de "La Nazione" nella parte della cronaca di Livorno.
Così si romperebbe il monopolio della Coop in città. Per l'Esselunga la nostra città rappresenta un bacino importante visto che anche molti livornesi spesso si recano all'Esselunga di Pisa.
Ora la domanda sorge spontanea: quando partiranno i lavori?

lunedì 3 novembre 2014

I REPORTAGE: INNESTO SUPERSTRADA FI-PI-LI/PORTO DI LIVORNO

LA SUPERSTRADA FIRENZE-PISA-LIVORNO
Oggi nei nostri "REPORTAGE" vi parliamo dell'innesto nel porto di Livorno della superstrada Firenze-Pisa-Livorno.
Più o meno 10 anni fa l'inizio della sopraelevata che dal Calambrone finisce nel porto subì un crollo e si aprì una voragine devastante.
Ora la gestione della manutenzione è data in concessione alla Global Service società della provincia di Firenze.
Questa volta vogliamo proprio fare polemica perché francamente ci siamo rotti che la nostra città sia trattata male da tutte le istituzioni! La Toscana non può rimanere Firenzecentrica. Ogni zona deve avere la sua autonomia finanziaria.
Infatti è da 10 anni che il pezzo che in questione del superstarda è chiuso al traffico e delimitato dalla segnaletica di sicurezza. Ora chi di dovere si deve allarmare e prendere immediatamente dei provvedimenti, stanziando dei finanziamenti per rimette in sesto la strada. Questa deve essere un'opera d'urgenza non solo per l'economia livornese ma anche per l'economia regionale.
Non è possibile che il più grande porto della Toscana sia lasciato morire dal punto di vista infrastrutturale. Un porto che dovrebbe essere la porta d'accesso dal mare alla regione.
FATE QUALCOSA!!!!!

sabato 1 novembre 2014

L'AZIENDA DI UN LIVORNESE TRA I 10 MIGLIORI AMBIENTI DI LAVORO SU FORBES

LA CLASSIFICA DI FORBES
Quando è protagonista un livornese (anche se ormai è cittadino americano) bisogna esserne sicuramente orgogliosi e citarne le gesta.
Infatti l'azienda fondata da Marco Benvenuti (figlio dell'ex Sindaco di Livorno) la "Duetto Research" con sede legale a Las Vegas ed una filiale anche a San Francisco è risultata alla posizione 3 della classifica delle migliori 10 aziende per quanto riguarda la qualità dell'ambiente del lavoro nella città californiana secondo Forbes.
Una cosa non da poco visto che a San Francisco hanno sede anche aziende come Twitter, Google, Facebook, Adobe.
Quindi a Marco Benvenuti e a tutto il suo staff vanno i complimenti.

venerdì 31 ottobre 2014

LO SCIOPERO DEI NETTURBINI FINISCE SULLA STAMPA NAZIONALE

A Livorno in questi giorni è andata in scena lo sciopero dei netturbini che hanno riempito la piazza del Municipio di rifiuti. Lo sciopero è finito anche sulla stampa nazionale:

L'ARTICOLO DE "IL GIORNALE"

121 MILIONI DI EURO PER IL NOSTRO PORTO

LA MAPPA DEL PORTO DI LIVORNO
Avranno un costo di 121.000.000 di euro le 31 opere pubbliche messe in cantiere dall'Autorità Portuale di Livorno per i prossimi 3 anni (2014-2017).
Investimenti importanti come i dragaggi: davanti alla Darsena Toscana, all'imboccatura su del porto e quelli alla calata Bengasi. Questi 3 dragaggi si svolgeranno nel 2015 per un costo di 17.000.000 di euro (l'investimento più grande dell'Autorità Portuale).
Nel 2016 sono previsti altri 3 dragaggi: alla calata del Magnale, alla Darsena Petroli ed ai pontili 12 e 13 per un totale di 12.000.000 di euro.
Tra 3 anni invece si saranno i lavori di completamento dell'escavo del canale di accesso (per intenderci alla Torre del Marzocco) ed i lavori di ampliamento della banchina sempre davanti alla Torre del Marzocco. Il tutto per un costo totale di 13.000.000 di euro.
Tornando al 2015 ci saranno i lavori di costruzione del nuovo magazzino M-K che avrà un costo di 2.000.000 di euro. Nel 2016, sempre per lo stesso tipo di lavoro, verranno investiti 5.500.000 euro.
Ancora nel 2016 è previsto l'investimento di 2.000.000 di euro per la trasformazione della prima Vasca di Colmata per la futura Piattaforma Europa.
Da ricordare anche i lavori di adeguamento del porto dell'isola di Capraia previsti per il 2017 e che costeranno 8.000.000 di euro.
Diciamo che la strada intrapresa è quella giusta ma è ancora lunga visto che nel passato è stato perso troppo tempo.

mercoledì 29 ottobre 2014

ECONOMIA LIVORNESE A RISCHIO? FORSE...

IL PLASTICO DEI NAVICELLI
La giunta regionale della Toscana a stanziato 1.100.000 euro per interventi sul canale dei Navicelli e per rendere possibile il collegamento tra l'Arno ed il porto di Livorno.
Secondo l'assessore alle infrastrutture ed ai trasporti della Regione Toscana Vincenzo Ceccarelli (parole tratte dal quotidiano "La Nazione"): "Si tratta del secondo dei 3 lotti per rendere navigabile il collegamento tra la Darsena Pisana dei Navicelli e l'Arno ad ovest di Pisa, in attesa che venga classificato navigabile anche il tratto fluviale tra la città e la foce e che la OLT completi i lavori di apertura dell'incile, il tratto del canale dei Navicelli oggi parzialmente tombato, che diventerà anch'esso navigabile e di cui si prevede l'apertura entro due anni. E' un intervento che consideriamo rilevante per Pisa, per la sua logistica e per il suo sviluppo economico, tanto che abbiamo in programma di finanziare nel 2015 il lotto che concluderà l'intervento e al quale dedicheremo altri 1.800.000 di euro".
Ora non per essere patetico ma questo progetto potrebbe essere molto pericoloso per la nostra città visto che gran parte dell'economia cittadina passa ormai dal porto.
Nessuno, per amor del cielo, è contrario all'area vasta ma Livorno deve controbattere con altre proposte economiche a queste bellissime idee pisane. 
Le idee che Pisa ha pensato e sta attuando, grazie anche a soldi regionali, sono ottime per il rilancio dell'economia. Perché Livorno non riesce a rispondere di conseguenza?

lunedì 27 ottobre 2014

ECONOMIA: FORSE NOVITA' PER IL PORTO DI LIVORNO


Ci sarebbero delle novità, a quanto pare, per il porto di Livorno. Infatti, poco tempo fa, in città hanno fatto visita i vertici della DB Schenker, la divisione trasporti e logistica delle ferrovie tedesche.
L'esplorazione è avvenuta per capire se le banchine del nostro porto sarebbero interessanti per fare ad apripista nel Mediterraneo per i marchi automobilistici di Volkswagen, Bmw e Mercedes.
La sfida però potrebbe essere dura visto che in concorrenza ci sono altri porti come quello di Koper, Monfalcone, Venezia e Barcellona.
In ballo c'è un movimento di 4000 auto a settimana che all'anno si trasformerebbe in 200000 veicoli, un bel colpo potrebbe essere!!!!

venerdì 24 ottobre 2014

IL 29 OTTOBRE SCIOPERO A LIVORNO

Il prossimo 29 ottobre è previsto uno sciopero cittadino per tutte le problematiche che stanno coinvolgendo la nostra città in questo periodo come quella che vede coinvolti il lavoratori della TRW, quelli dell'Eni e quella della Cooplat:

IL VOLANTINO 

ENI LIVORNO: IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DICE NO ALLA CHIUSURA

LA RAFFINERIA ENI DI LIVORNO
Notizie positive per quanto riguarda il mantenimento della raffineria Eni a Livorno. Infatti il Ministero dello Sviluppo Economico ha detto no alla chiusura della raffineria di Stagno.
Lo ha confermato anche il Sindaco di Collesalvetti Bacci che sul suo profilo Facebook scrive di aver ottenuto risultati importanti contro l'ipotesi di vendita.
Le istituzioni si sono mosse, ora tocca all'azienda mettere nero su bianco le certezze per i lavoratori.

giovedì 23 ottobre 2014

CONSIGLIO COMUNALE UNIFICATO LIVORNO/COLLESALVETTI

Si è svolto il 21 ottobre nella sala consiliare del Comune di Livorno un consiglio comunale congiunto tra Livorno e Collesalvetti.
L'occasione è stata creata apposta per parlare della probabile chiusura dello stabilimento Eni di Stagno e dello stabilimento TRW di Livorno.
Numerosi e significativi l'interventi degli amministratori e dei consiglieri presenti. Alla fine la lunghissima riunione si è conclusa con l'approvazione all'unanimità di una mozione per il lavoro.
Erano presenti il Sindaco di Livorno Nogarin, il Sindaco di Collesalvetti Bacci e l'assessore alle attività produttive della Regione Toscana Simoncini.

mercoledì 22 ottobre 2014

SPIL: ANDREA GIANI RIFIUTA LA PRESIDENZA


Andrea Giani, vice direttore della Cassa di Risparmio di Ferrara, rifiuta la presidenza della Spil (Società Porto Industriale Livorno).
Il suo nome era stato fatto dal Comune di Livorno (che detiene il 61% delle quote della società) lo scorso 16 settembre.
Ora il 5 novembre i soci, che oltre al Comune di Livorno vede la provincia di Livorno, il Comune di Collesalvetti, il Banco Popolare, il Monte dei Paschi di Siena, e la Camera di Commercio di Livorno, toneranno a riunirsi e vedremo quali scelte verranno prese per colmare il vuoto alla presidenza.

martedì 21 ottobre 2014

L'ASSESSORE REGIONALE SIMONCINI (DI LIVORNO) SUL PALCO DEI TUSCANY AWARDS

FOTO TRATTA DA CLASS/CNBC
A Firenze sono state premiate le eccellenze della Toscana con i "Tuscany Awards". Una serata organizzata da Milano Finanza a cui ha partecipato anche l'assessore regionale alle attività produttive della Regione Toscana Gianfranco Simoncini, livornese doc ed ex Sindaco di Rosignano Marittimo.

ENI LIVORNO: KLESH NEGA TRATTATIVE

LO STABILIMENTO ENI DI LIVORNO
Gary Klesh, imprenditore tuttofare anglo-americano, nega che ci siano in corso trattative per l'acquisizione dello stabilimento Eni di Stagno.
Lo ha dichiarato lo stesso imprenditore statunitense in un incontro avuto al Comune di Livorno con il Sindaco Filippo Nogarin.

venerdì 17 ottobre 2014

ECONOMIA: A RISCHIO I POSTI DI LAVORO DELLE TRW

LA SEDE DELLA TRW DI LIVORNO
La nuova proprietà della TRW Automotive Italia (che guarda caso è tedesca) ha dichiarato la volontà di chiudere lo stabilimento livornese e di mettere così a rischio 450 lavoratori.
Così oltre al caso dello stabilimento Eni, della MTM ora ci sarà anche il caso della TRW. L'economia livornese si sta piano piano sgretolando e il tessuto cittadino ne risentirà sicuramente. Ci sarà qualche futuro per la nostra fragile economia? 
Ad oggi un piano serio di reindustrializzazione non lo vediamo, speriamo bene....

giovedì 16 ottobre 2014

AAMPS: NUOVO BANDO PER LA PULIZIA DELLE STRADE


Ci sarà un nuovo bando per la pulizia delle strade da parte dell'Aamps (la società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Livorno).
Un bando che ha scatenato subito le polemiche dei lavoratori. Polemiche che riguardano in particolare il contratto di lavoro.
Infatti l'Aamps, nella gestione precedente, imponeva, a chi vinceva la gara, di adottare il contratto "FISE ASSOAMBIENTE" ovvero 36 ore di lavoro settimanali, 1300 euro di stipendio al mese e fino a 14 mensilità.
Ora, invece, sotto l'amministratore unico di Marco Di Gennaro questo paletto non esiste più e l'azienda che vince la gara potrà essere libera di applicare il contratto di lavoro che vuole.
In più i lavoratori sono preoccupati per il futuro visto che, sempre nel bando, è previsto che la società vincitrice della gara potrà coprire i posti necessari al servizio con propri impiegati.

martedì 14 ottobre 2014

BURGER KING SBARCA A LIVORNO


Burger King sbarca a Livorno. La catena più famosa nella concorrenza a McDonalds aprirà entro dicembre in via Firenze ed assumerà 30 persone.
Le persone che sono interessate possono inviare il proprio curriculum all'indirizzo mail: livorno@arrangerconsulting.it.

lunedì 13 ottobre 2014

ENI: IN 300 A MANIFESTARE DAVANTI ALLA RAFFINERIA

LA RAFFINERIA ENI DI LIVORNO
Questa mattina 300 dipendenti della raffineria Eni di Livorno hanno manifestato contro la chiusura dello stabilimento livornese sulla SS1 Aurelia bloccando anche il traffico.

CLICCATE QUI PER VEDERE LE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE SUL SITO DE "IL TIRRENO"

PROVINCIA DI LIVORNO: LA PRESIDENZA VA AL PARTITO DEMOCRATICO

Alla fine alla presidenza della provincia di Livorno ci va un Sindaco del Partito Democratico. La carica infatti è stata conquistata da Alessandro Franchi, primo cittadino di Rosignano Marittimo.
Il candidato appoggiato dal Movimento 5 Stelle ha, Giuliano Parodi, ha ricevuto il 48% dei voti mentre il candidato appoggiato dall'asse Partito Democratico-Forza Italia ha ricevuto il 52% dei consensi.

venerdì 10 ottobre 2014

ENI: L'ASSESSORE DELLA REGIONE TOSCANA CHIEDE UN INCONTRO CON IL MINISTRO

LO STABILIMENTO ENI DI LIVORNO
L'assessore alle attività produttive della Regione Toscana Gianfranco Simoncini intende chiedere un incontro entro fine ottobre all'omologo Ministro per parlare del caso della raffineria Eni di Livorno.
Della richiesta Simoncini ha messo a conoscenza anche i rappresentanti delle categorie, della provincia di Livorno, del Comune di Livorno e del Comune di Collesalvetti.

giovedì 9 ottobre 2014

BACINO DI CARENAGGIO: ADDIO PER SEMPRE ALLE GRANDI RIPARAZIONI?

LA PAGINA DEL "TIRRENO"
LA PAGINA DE "LA NAZIONE"
Alla fine l'Autorità Portuale di Livorno ha dato il via libera all'utilizzazione del bacino di carenaggio solo per le navi medio-piccole andando così contro la richiesta del consiglio comunale di Livorno.
La concessione prevede una durata minima di 10 anni estendibili, eventualmente, ad un massimo di 2000.
Ecco i punti principali per poter partecipare al bando di gara per la gestione del bacino:

1) il concorrente dovrà presentare un piano industriale che avrà ad oggetto la riparazione delle navi di media e piccola dimensione e la costruzione ed il refitting degli yacth;
2) il piano industriale dovrà essere compatibile con le attività antropiche e residenziali contigue al compendio dei bacini, anche con riferimento alle prescrizioni urbanistiche vigenti del Comune di Livorno. L'incompatibilità ambientale sarà motivo di esclusione del concorrente dalla partecipazione alla gara;
3) chiunque partecipi alla gara dovrà comunque impegnarsi a ripristinare le funzionalità dei beni essenti in concessione;
4) le attività industriali svolte nel bene assentito in concessione non dovranno pregiudicare la futura riconversione del bacino in muratura alle attività di riparazione delle navi di grande dimensione.

In altra parole si può dire addio alle grandi riparazioni?

mercoledì 8 ottobre 2014

GLI OPERAI DELL'AZIMUT-BENETTI MANIFESTANO SOTTO L'AUTORITA' PORTUALE

L'INGRESSO DEL CANTIERE AZIMUT-BENETTI DI LIVORNO
Gli operai del cantiere Azimut-Benetti di Livorno (circa 200) hanno inscenato una manifestazione di protesta sotto la sede dell'Autorità Portuale di Livorno.
L'oggetto della protesta è il bando di gara sui bacini di carenaggio. Gli operai hanno chiesto anche un incontro con il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin e con il presidente dell'Autorità Portuale Giuliano Gallanti.