#LivornoTimesLive: LA VITA POLITICA ED ECONOMICA DI LIVORNO IN TEMPO REALE, CLICCATE QUI | IL NOSTRO BLOG SU TWITTER: CLICCATE QUI E SEGUITECI | IL NOSTRO BLOG SU FACEBOOK: CLICCATE QUI PER VEDERE LA NOSTRA PAGINA | IL NOSTRO BLOG SU TUMBLR: CLICCATE QUI E SEGUITECI

sabato 31 gennaio 2015

CONTINUA IL DISASTRO LIVORNESE...

GLI ARTICOLI DI OGGI DE "IL TIRRENO"
Continua il momento nero del commercio livornese. Infatti non c'è pace ed è notizia di oggi che altri due marchi lasciano Livorno. Uno storico come Stefanel che era presente da anni in via Grande (LEGGETE QUI L'ARTICOLO DE "IL TIRRENO") e l'altro che è Maury's (LEGGETE QUI L'ARTICOLO DE "IL TIRRENO") che due anni fa aveva aperto sul viale Carducci al posto di Stefano e che oggi licenzierà 15 persone.
Bisogna che qualcuno prenda dei seri provvedimenti per fermare questa moria di negozi e la conseguente perdita di posti di lavoro altrimenti: "ADDIO LIVORNO"!!!!

venerdì 30 gennaio 2015

ANCORA CASE A LIVORNO, QUESTA VOLTA ALL'EX GRAN GUARDIA

GLI APPARTAMENTI ACCANTO ALL'EX GRAN GUARDIA
Il progetto di recupero della vecchia struttura del cinema "Gran Guardia" continua ad andare avanti ma non come gli accordi con il Comune di Livorno.
Entro settembre 2015 è previsto il completamento di 14 appartamenti, di circa 65 metri quadrati l'uno, divisi sui quattro piani dell'edificio.
In poche parole altre case che rimarranno vuote come la maggior parte degli appartamenti costruiti in città.
Il piano originale prevedeva la costruzione di un ristorante e di una mediateca. Bene, al momento, il ristorante è ancora chiuso e la mediateca è ancora ferma sulla carta.
Così, alla fine, in centro, ci saranno di nuovo appartamenti vuoti mentre luoghi che potrebbero dare posti di lavoro sono ancora fermi con le "4 frecce".

mercoledì 28 gennaio 2015

GIOVEDI 29 GENNAIO I LAVORATORI DI PEOPLE CARE DAVANTI ALLA PREFETTURA DI LIVORNO

UN MOMENTO DELLA MANIFESTAZIONE DI SABATO 24 GENNAIO
Dopo la manifestazione di sabato 24 gennaio per le via del centro di Livorno, gli impiegati di People Care non si arrendono e hanno organizzato un presidio davanti alla Prefettura di Livorno questo giovedì (29 gennaio) a partire dalle ore 14.00.

Ecco il comunicato delle RSU aziendali:

"Dopo l'avvio della proceduta 223 a fine dicembre e in seguito al primo tavolo convocato al MISE due settimane fa, le RSU di People Care sono di nuovo in partenza per Roma. I lavoratori aspettano ancora risposte sul loro destino, appeso a un filo a causa della scadenza della commessa Seat prevista a fine maggio 2015. Come RSU abbiamo deciso unitariamente di promuovere un presidio sotto la Prefettura per Giovedì 29 gennaio, dalle 14 in poi, chiedendo che una delegazioni di lavoratori venga ricevuta per avere notizie in tempo reale su quanto verrà discusso al tavolo.
Sabato scorso un fiume di persone si è riversato assieme a noi per le strade della città portando ancora una volta solidarietà e ricordando a tutti che Livorno non molla... facciamo sentire anche stavolta! non un passo indietro!" RSU People Care

domenica 25 gennaio 2015

SABATO MANIFESTAZIONE IN PIAZZA DEI LAVORATORI DI "PEOPLE CARE"

UN MOMENTO DELLA MANIFESTAZIONE
Sabato 24 gennaio si è svolta a Livorno, da piazza Attias fino a piazza Cavour passando da via Ricasoli, la manifestazione dei dipendenti del call center di Guasticce di People Care, la società che gestisce le commesse del 12.40 e dell'89.24.24.
Alla manifestazione hanno partecipato anche vari esponenti di varie forze politiche livornesi ma c'era un'assente di lusso, il Sindaco di Livorno del Movimento 5 Stelle Filippo Nogarin. Un'assenza che si è fatta notare.

Ecco anche un momento del discorso di un rappresentate di People Care in piazza Cavour:

giovedì 22 gennaio 2015

I LAVORATORI DI PEOPLE CARE SABATO IN PIAZZA A LIVORNO


Scenderanno in piazza questo sabato i lavoratori del call center di Guasticce "People Care". Una manifestazione che inizierà in piazza Attias per poi proseguire per tutte le vie importanti del centro cittadino.

REGIONI: TRA 2 MESI DOVREBBE INIZIARE L'ACCORPAMENTO

LA FUTURA CARTINA DELLE REGIONI ITALIANE
Tra due mesi l'attuale cartina geografica dell'Italia potrebbe essere stravolta. Infatti entrerà nel vivo una delle riforme più complesse che verrà attuata in Italia, quella delle Regioni.
Entro due mesi il governo dovrebbe ricevere la relazione della Commissione creata apposta per definire la riforma.
Tra circa 60 giorni, secondo quanto previsto dall'idea di due parlamentari del Partito Democratico Morassut e Ranucci, dovremmo dire addio alle attuali Regioni.
Da nord a sud ci sarà una rivoluzione totale sia nel nome che nei confini. Non ci sarà più il Piemonte, la Liguria e la Valle d'Aosta ma ci sarà la Regione Alpina; non ci sarà più il Friuli-Venezia-Giulia, il Veneto ed il Trentino-Alto Adige ma esisterà il Triveneto; non ci saranno più le Marche, l'Abruzzo ed il Molise ma ci sarà la Regione Adriatica; non ci sarà più la Toscana e l'Umbria ma ci sarà la Regione Appeninica; non ci sarà più il Lazio ma ci saranno il distretto di Roma Capitale e, dalla fusione con la Campania nascerà la Regione Tirrenica; non ci saranno più la Puglia e la Basilicata ma ci sarà la Regione di Levante; non ci sarà più la Calabria ma, insieme ad una parte della Basilicata, nascerà la Regione di Ponente.
Resteranno invariate le Regioni Lombardia, Emilia Romagna, Sicilia e Sardegna.

martedì 20 gennaio 2015

LIVORNO PROTAGONISTA A "QUINTA COLONNA"

IL COLLEGAMENTO DA LIVORNO
Spesso la nostra città è protagonista in televisione con collegamenti in diretta nei principali programmi di attualità politica ed economica italiana.
Questa volta è toccata al programma "Quinta Colonna" condotto da Paolo Del Debbio su Rete 4.

lunedì 19 gennaio 2015

#LivornoTimesLive: LA VITA POLITICA E ECONOMIA LIVORNESE IN TEMPO REALE

Da oggi sul nostro account Twitter è possibile vedere cosa succede nella vita politica ed economica di Livorno digitano l'hashtag #livornotimeslive:

venerdì 16 gennaio 2015

LIVORNO UNA DELLE PEGGIORI PROVINCE PER DENUNCIA DI INCIDENTI

UNA VEDUTA DI LIVORNO
La nostra Regione è risultata quella che ha denunciato più sinistri e, nel centro-nord, risulta quella dove ci sono i premi più alti.
Nel 2015 l'aumento dei premi riguarderà circa 130.000 toscani ed in percentuale toccherà il 5,40% della popolazione che vive in Toscana.
Se andiamo a vedere i dati delle singole province possiamo notare come la nostra provincia di Livorno sia messa veramente male.
Infatti Livorno risulta la provincia più sinistrosa insieme a quella di Prato. Livorno ha il 5,89% di incidenti denunciati mentre Prato è al 6,65%.
Le migliori province sono Pistoia e Grosseto con, rispettivamente, il 4,21% ed il 4,37% di persone che si sono rivolte alla propria assicurazione per un sinistro.

giovedì 15 gennaio 2015

ECONOMIA: BCUBE SI ALLARGA ALL'INTERPORTO

LA SEDE DI BCUBE A GUASTICCE
Bcube, colosso della logistica che ha anche una sede sul territorio livornese in particolare a Guasticce (nella foto sopra) proprio vicino all'ormai famoso call center People Care che rischia di chiudere a a fine maggio, ha deciso di acquistare nuovi spazi all'interno dell'Interporto Vespucci.
L'allargamento della sede livornese avviene grazie ad una nuova commessa di General Eletric. L'inaugurazione, a quanto riferiscono i quotidiani locali, è prevista per il 23 gennaio con la presenza dei vertici delle istituzioni locali e regionali e di quelli di General Eletric Italia.

mercoledì 14 gennaio 2015

LA PROVINCIA DI LIVORNO VENDE LE QUOTE DELLE SUE PARTECIPATE

LO STEMMA DELLA
PROVINCIA DI LIVORNO
L'amministrazione provinciale livornese, guidata dal Sindaco di Rosignano Marittimo Franchi, mette in vendita le quote che detiene delle partecipate.
Ecco l'elenco delle società:

  • PARCO MINERARIO DELL'ISOLA D'ELBA S.R.L.
  • ALATOSCANA S.P.A.
  • FIDI TOSCANA S.P.A.
  • BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI
  • CENTRALE DEL LATTE DI FIRENZE-PISTOIA-LIVORNO (MUKKI)
  • SPIL - SOCIETA' PORTO INDUSTRIALE LIVORNO
  • PARCHI VAL DI CORNIA S.P.A.

Le offerte devono essere presentate entro le ore 12 del 28 gennaio 2015 presso l'ufficio protocollo della provincia di Livorno.
Per maggiori informazioni e per scaricare il bando integrale potete visitare la sezione "Amministrazione Trasparente" del sito internet della provincia di Livorno: www.provincia.livorno.it.

"PORTA A MARE" VA AVANTI

PORTA A MARE
In questi primissimi mesi del 2015 prenderanno il via il lavori del comparto delle "Officine Storiche" del nuovo quartiere di "Porta a Mare".
A deciderlo è stato il Consiglio di Amministrazione di IGD (Immobiliare Grande Distribuzione S.p.A.).
Il nuovo investimento prevede la riqualificazione dei capannoni industriali degli ex Cantieri Navali Orlando dove verranno creati spazi per il fitness, tempo libero e ristorazione.
Durante la fase di costruzione delle nuove strutture verranno impiegate tra le 300 e le 350 persone. 
Contemporaneamente alla decisione del Consiglio di Amministrazione di IGD, l'Autorità Portuale di Livorno ha avviato gli scavi per il canale artificiale che collegherà il futuro porto turistico (ma quando verrà creato???) alla Bellana.

CAMBIO DI QUESTORE A LIVORNO

Cambia il Questore in città. L'attuale responsabile dell'ordine pubblico di Livorno, Marcello Cardona, si trasferirà a Catania.
A sostituirlo sarà Orazio D'Anna, attualmente Questore a Ferrara. Nel passato di D'Anna da segnalare l'esperienza a Milano dove è rimasto per 25 anni ricoprendo incarichi di notevole importanza come comandante di compagnia e dirigente di commissario.

lunedì 12 gennaio 2015

SI DEL SENATO NEL PROCEDERE CONTRO MATTEOLI

L'ARTICOLO DE "IL TIRRENO" DEL 8 GENNAIO 2015
Nell'inchiesta del Mose di Venezia (le paratie che in teoria dovrebbero proteggere Venezia dalle mareggiate) arriva il si della giunta per le immunità del Senato a procedere contro il Senatore di Forza Italia ed esponente del centrodestra livornese Altero Matteoli.
L'accusa nei confronti del Senatore, ex Ministro dell'Ambiente, è di essere entrato in un giro di tangenti. Vedremo come si concluderà la vicenda.

venerdì 9 gennaio 2015

CAMP DARBY: IL PENTAGONO VUOLE DIMEZZARE LA BASE

L'AREA TRA LIVORNO E PISA DOVE SI TROVA "CAMP DARBY"
Gli U.S.A. hanno deciso di ridimensionare la presenza militare in Europa ed in questa decisione entra anche la base di Camp Darby vicino alla nostra città.
Camp Darby è nato grazie ad un accordo tra Italia e Stati Uniti nel 1951 in un'area che comprende mille ettari di territorio nella pineta che si estende tra Livorno e Pisa.
La base è intitolata al generale fondatore del corpo dei Rangers che venne ucciso il 30 aprile del 1945 sulle rive del lago di Garda, William Darby appunto.
Il Pentagono ha deciso di chiudere metà base e restituire il territorio al Ministero della Difesa italiano. La conseguenza di questa decisione potrebbe essere il rischio della perdita del lavoro per i 40 dipendenti civili italiani che ancora sono rimasti nella base.
Vedremo come andrà avanti e come si concluderà questa vicenda.

PORT-AUTHORITY: UNA NOMINA DA SEGUIRE CON MOLTA ATTENZIONE

PALAZZO ROSCIANO, LA SEDE DELL'AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO
Inizia il "calvario" che porterà al toto-nomine per il nuovo presidente dell'Autorità Portuale di Livorno.
Una nomina che questa volta vedrà protagoniste varie istituzioni di diverso colore politico e per questo motivo la nomina del presidente dell'autorità che segue il porto di Livorno si fa ancora più interessante.
Ci sarà il Comune di Livorno guidato dal Sindaco del Movimento Cinque Stelle Filippo Nogarin; ci sarà la Regione Toscana che, a guida Partito Democratico, deve affrontare le elezioni e non può rischiare di fare una figuraccia come alle elezioni amministrative; ci sarà il Ministero dei Trasporti che è guidato dall'esponente del Nuovo Centro Destra, nonché ex Forza Italia, Maurizio Lupi che potrebbe anche allearsi con la giunta grillina livornese per fare uno sgambetto al Partito Democratico attualmente alleato al governo nazionale.
Un bel "calvario"...

mercoledì 7 gennaio 2015

DOPO 13 ANNI APRIRA' L'ESSELUNGA A LIVORNO

L'ARTICOLO DEL QUOTIDIANO "LIBERO"
Dopo 13 anni di attesa Esselunga arriverà anche a Livorno. Un fatto talmente straordinario da trovare spazio anche sui quotidiani nazionali tra i quali "Libero" diretto da Maurizio Belpietro.
L'apertura del nuovo superstore poterà nella nostra città 200 posti di lavoro che in questo periodo di crisi che sta attraversando Livorno sono una bella boccata di ossigeno.