#LivornoTimesLive: LA VITA POLITICA ED ECONOMICA DI LIVORNO IN TEMPO REALE, CLICCATE QUI | IL NOSTRO BLOG SU TWITTER: CLICCATE QUI E SEGUITECI | IL NOSTRO BLOG SU FACEBOOK: CLICCATE QUI PER VEDERE LA NOSTRA PAGINA | IL NOSTRO BLOG SU TUMBLR: CLICCATE QUI E SEGUITECI

martedì 20 febbraio 2018

COME SI VOTA IL PROSSIMO 4 MARZO


Il prossimo 4 marzo si svolgeranno, dalle ore 7.00 alle ore 23.00, le elezioni politiche. Molti si staranno chiedendo: ma come si vota? Ecco quindi che vi vogliamo ricordare le regolare:

  • Al seggio l'elettore maggiore di 25 anni riceve due schede, una per la Camera dei Deputati ed una per il Senato della Repubblica. Chi ha meno di 25 anni riceve solo la scheda della Camera dei Deputati;
  • I modelli delle due schede sono identici: recano il nome del candidato nel collegio uninominale e, per il collegio plurinominale, il contrassegno di ciascuna lista e coalizione di liste ad esso collegate;
  • A fianco dei contrassegni delle liste sono riportati i nominativi dei candidati del collegio plurinominale

➤ E le schede come sono?

Partiamo con dire che sia la scheda della Camera dei Deputati che la scheda per il Senato della Repubblica sono divise in rettangoli: nella parte superiore di ogni rettangolo è riportato nome e cognome del candidato nel collegio uninominale; nella parte inferiore sono riportate la lista o le liste che lo supportano.

La scheda per la Camera dei Deputati è rosa mentre quella per il Senato della Repubblica è gialla:

▶ CAMERA DEI DEPUTATI


▶ SENATO DELLA REPUBBLICA


➤ Come si vota?

Si vota tracciando un segno sul rettangolo che contiene il contrassegno della lista ed i nomi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale tanto ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale quando a favore della lista nel collegio plurinominale. Qualora il segno sia tracciato solo sul nome del candidato nel collegio uninominale, il voto è comunque valido anche per la lista collegata.
Se l'elettore traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato nel collegio uninominale ed un altro segno sul sottostante rettangolo contenente il contrassegno della lista ed i nominativi nel collegio plurinominale, il voto è comunque valido a favore sia del candidato uninominale sia della lista. Lo stesso avviene se si straccia un segno sul contrassegno ed un altro segno sulla lista di candidati nel collegio plurinominale della lista.

➽IL VOTO DISGIUNTO NON E' AMMESSO

Nessun commento:

Posta un commento