sabato 8 settembre 2012

AL SEGRETARIO DEL PDL DI LIVORNO BARABINO: MA DOVE VIVI?

Oggi sul quotidiano "Il Tirreno" c'è le reazioni che i partiti hanno avuto in merito al sondaggio di ieri dove i principali partiti italiani, Partito Democratico e Popolo della Libertà, hanno avuto un drastico calo nei voti.
Mi ha colpito la reazione che ha avuto il coordinatore provinciale del PDL livornese (il consenso è sceso dal 19,5 all' 11 per cento a Livorno) Paolo Barabino dove dichiara "...il Pdl ha i suoi guai ma la tenuto del Pd non è attendibile".
Beh: ma dove vive? Il Pdl ha si i suoi problemi ma non ha nessuno da presenta come principale rappresentante del partito. Prima di tutto il coordinatore provinciale Barabino non è di Livorno ma di Cecina (amico stretto di Matteoli) e non vive la realtà quotidiana della città per sapere quali scelte politiche fare; poi non esiste una personalità di spessore da poter presentare ai livornesi con un programma seriamente attendibile.
Insomma se il PDL vuole prendere il giusto spazio nella vita politica livornese deve cambiare completamente pelle. Come fa Renzi nel PD con "i rottamatori" anche nel PDL devono poter crescere le nuove leve. Troppi vecchi politici si sono reciclati nel PDL ed ora è il momento giusto da poter spazzar via la vecchia generazioni.
Qui in troppi vecchi hanno ancora le mani in pasta!. Ad esempio l'on. Matteoli che con le sue trame è riuscito a prendere il controllo del partito deve capire che è il momento di lasciare e poter dare spazio a chi ha veramente il merito e non chi viene raccomandato o per il cognome che porta o per le conoscenze che ha. Ci sono rappresentati in consiglio comunale che sono li solo per scaldare la poltrona e non compaiono mai sulla stampa e non è giusto tutto questo.
Bisogna meritarci il posto. I tempi dei vecchi partiti, dove venivi presentato solo perché raccomandato, sono finiti e lo dimostrano i cittadini che hanno scelto il movimento delle "cinque stelle" alle ultime elezioni.
Date spazio non soffocate più le giovani leve, rottamatevi da soli...

Nessun commento:

Posta un commento